Book Reporting Books Events Fazi Editore Fiction New Book Releases Publishing House

L’enigma Draghi di Marco Cecchini

Alcuni politici italiani, soprattutto dopo l’esplosione della crisi causata dal COVID-19, lo vorrebbero alla testa del governo o al Quirinale, gli anti-establishment lo considerano l’incarnazione vivente dei poteri forti, il rappresentante di una finanza internazionale cinica e rapace. L’enigma Draghi di Marco Cecchini vi spiega chi è veramente Mario Draghi e come ha fatto a entrare nell’Olimpo dei leader mondiali.

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali

Titolo: L’enigma Draghi
Autore: Marco Cecchini
Editore: Fazi Editore
Collana: Le Terre
Data di Pubblicazione: 28 Maggio 2020
Pagine: 240
Prezzo:
e – Book 9,99€ / Cartaceo 18,00€
Disponibilità:
Fazi Editore / iTunes & Amazon

Chi è Mario Draghi? Certamente il “salvatore” dell’euro, una figura di grande rilievo nel panorama di un’Europa in cerca di guida, ma anche un personaggio complesso, che suscita giudizi spesso divergenti.
C’è chi ne ha sottolineato l’imperscrutabilità con un ritratto fulminante: «Non sai mai cosa pensi dietro quella faccia da poker», e c’è chi lo ha paragonato a quegli ufficiali di stato maggiore «intelligenti ma pigri e per questo adatti a incarichi di vertice».

All’inizio della sua esperienza alla BCE, «Bild», il più popolare e diffuso quotidiano tedesco, gli regalò un prezioso elmetto prussiano mostrando apprezzamento per il suo carattere poco italiano.
Ma, dopo la sua performance alla guida della banca, ha pensato di chiederglielo indietro.

Per alcuni economisti è un keynesiano liberal, come lo fu il suo maestro, Federico Caffè, per altri lo è stato, ma ora non più; per altri ancora è fondamentalmente un pragmatico segnato dalla sua educazione gesuita, un uomo d’azione che si serve di approcci analitici diversi per decidere.

Marco Cecchini.
Giornalista e scrittore, ha iniziato come economista all’ufficio studi della Banca commerciale italiana; passato al giornalismo, ha collaborato con «Il Sole 24 ORE» ed è stato a lungo inviato del «Corriere della Sera», per il quale si è occupato prevalentemente di questioni europee. In seguito ha guidato, come capo dell’ufficio stampa, la comunicazione del Ministero dell’Economia ed è stato responsabile delle Relazioni esterne dell’IVASS, l’authority assicurativa collegata alla Banca d’Italia.

Buona lettura!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.