La marchesa milanese di Massimo Trifirò

Il blog è lieto di annunciare la pubblicazione de La marchesa milanese di Massimo Trifirò: la programmata mattanza di un povero maschietto infelice destinato a fare da carne da macello matrimoniale. Ma il racconto è intrecciato anche con cento altre storie, figure ridicole, situazioni paradossali, vicende comiche e ambientazioni in quell’oscuro Seicento da fare accapponare la pelle. E molto altro ancora, il lettore ci può contare.

Sostieni il blog! ⬇️⬇️⬇️

Un romanzo storico molto divertente, ambientato nei luoghi manzoniani, gli stessi dove vive l’autore.
Siamo nel Seicento, epoca di bravi, di signorotti prepotenti come don Rodrigo, di grida spagnoleggianti e improbabili come quella del dottor Azzeccagarbugli, di briganti di strada che spolpano i viaggiatori lasciando loro soltanto gli occhi per piangere.
Due personaggi particolari, una madre dall’aspetto di balena spiaggiata, prepotente come un tiranno, e una figlia zitella dal corpicino piallato come una tavola che si esprime solo a nitriti come una cavallina storna, arrivano a Lecco da Milano, la capitale del dominio spagnolo.
Da uno zio crapulone e puttaniere, schiattato di colpo, non hanno ricevuto l’eredità che si auguravano, sperperata in divertenti ma poco salutari bagordi.
Per trovare un marito alla figlia inguardabile pensano perciò di andarsene in provincia e fingere lo stesso di essere ricche, e magari pure marchese, per accalappiare un gonzo che ci caschi come un allocco e impalmi la cavalla per interesse, che è poi una motivazione non tra le più disprezzabili.

Buona lettura!

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.