LOADING

Type to search

La chimica del sangue di Alessio Rigillo

Domenica d’Agosto che caldo fa! E che ne dite di riscaldare ancora di piĂą l’aria con un nuovo thriller pubblicato da Leone Editore e firmato dalla penna d’esordio dell’autore italiano Alessio Rigillio? Io ho letto per il blog La chimica del sangue e oggi per voi ecco la mia recensione.

Copia cartacea omaggiata dalla CE ai fini promozionali

Scheda Tecnica del Libro đź“‘đź“‘đź“‘

  • Titolo: La chimica del sangue
  • Autore: Alessio Rigillo
  • Editore: Leone Editore
  • Collana: MistĂ©ria
  • Genere: Thriller
  • Pagine: 504
  • Data di Pubblicazione: Luglio 2019
  • Prezzo:
  • Cartaceo 15,90€
  • DisponibilitĂ : Librerie / Store online / Leone Editore & Amazon

Trama del Libro đź“šđź“šđź“š

Anno 2033.
L’esaurimento del petrolio scatena la Terza Guerra mondiale in cui l’Italia e gli alleati occidentali fronteggiano la Russia, istigatrice del conflitto in seguito all’omicidio del premier tedesco.
La costruzione di una bomba all’idrogeno da parte dei russi tiene in scacco gli alleati e le sorti dell’umanitĂ .
In questo scenario distopico, il protagonista Samuel Medici, militare dell’Esercito Italiano, verrĂ  coinvolto dal generale Miramonti in una missione speciale per sventare il disastro nucleare e, grazie alla sagacia dell’amico Augusto Spadolini, capirĂ  di essere coinvolto in una cospirazione internazionale in cui le vere fila del potere sono tenute da societĂ  segrete antagoniste tra loro.

Recensione del Blog. đź–‹ đź“ť đź’»

Il passato non si può cancellare e la pace è solo una tregua tra due guerre.

PerchĂ© iniziare una recensione con questa frase? PerchĂ© l’umanitĂ  dimentica fin troppo spesso il passato, le sue atrocitĂ  e le sue bellezze, non impara ricadendo negli stessi errori, troppo arrogante e superficiale, convinta che una volta accaduti, certi fatti non potranno mai piĂą succedere.
Eppure quanto è lontano da noi questo mondo dispotico del 2033 descritto in La chimica del sangue?
Non lo è. Anzi se non stiamo attenti ce lo ritroveremo dietro l’angolo senza accorgercene.

Noi esseri umani tendiamo a ignorare i problemi che crescono sotto il nostro naso finché, ingigantiti dalla trascuratezza, finiscono per incombere sul panorama che abbiamo del nostro futuro.
In poche parole, non ci si muove in tempo.

Che l’autore voglia fare una denuncia sociale? Assolutamente sì. Nella lettura del libro ho potuto riscontrare, sebbene ben mascherati, molti riferimenti alla politica, all’economia, all’intera situazione italiana e internazionale di oggi, come volerci ammonire ad aprire gli occhi, a vedere quello che abbiamo difronte al naso e che crediamo sia la soluzione ai problemi ed invece non è altro che uno dei tanti problemi che ci porterĂ  allo sfacelo.
Non abbiamo vissuto tra le due guerre mondiali, e anche a quei tempi si commisero degli errori nel non saper vedere. Si sarebbe potuto prevedere Hitler e fermarlo? Forse sì, ma non è successo.
E oggi quale altro tiranno non vediamo?
PerchĂ© vogliamo andare in guerra? Per fare gli eroi? Per imbracciare un fucile e sparare al nemico? Ma chi è il nemico? Il soldato straniero che come noi è stato buttato nella fossa dei leoni, con l’ordine di sparare e difendere la propria nazione? Oppure il politico di turno che è rimasto seduto comodo nella sua poltrona ad accumulare potere e a giustificare l’atrocitĂ  della guerra come il male necessario per avere il bene comune?

«Ho sfidato l’Oriente e l’Occidente, ho combattuto contro russi, americani e francesi, contro cinesi e spagnoli, ho lottato contro tutti loro contemporaneamente». Si accarezzò la guancia destra. «E ho vinto.»
«Il mio impero sta per sorgere, e nascerà dalle ceneri sparse della guerra. Dominerò il pianeta intero, e nessuno, dico nessuno, potrà fare nulla per impedirlo.»

Chi vince e chi perde in guerra? Sicuramente il popolo non ne esce mai vittorioso, è il primo a dover spazzare le ceneri a seppellire i morti, a curare le ferite, a soffrire ancora e ancora per risollevare quel paese che la classe politica non ha saputo difendere e preservare, come invece aveva promesso alla sua ascesa al potere.
E a dimostrazione di tutto ciò, La chimica del sangue è la storia di un ragazzo semplice che prende consapevolezza della situazione del suo paese, si ritrova a volerlo proteggere e difendere dai nemici, arruolato per questo e poi eroe inconsapevole, in un complotto che coinvolge tutte le nazioni scese in guerre.
Non serve avere dei super potere per essere eroi, a volte lo si diventa per caso, travolti dal destino, che vuole che siamo lì presenti in quel momento, per essere partecipi di un paio più grande e inconsapevole di quanto possiamo immaginare.
Ovviamente le ferite da curare e le perdite da piangere saranno innumerevoli, ma come sempre l’essere umano affronterĂ  il dolore e la distruzione cercando di ricostruire… spariamo solo che questa volta impari dai propri errori.

3 SUSSURRI DELLE MUSE

Buona lettura!

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.