LOADING

Type to search

K – I guardiani della storia di Elisabetta Cametti

Share

Se ricordate ho adorato il terzo volume della Serie di K, di Elisabetta Cametti e grazie all’autrice e al suo ufficio stampa, ho avuto la possibilità di leggere anche i primi due volumi. Oggi vi parlo de K – I guardiani della storia, dove tutto ha inizio o è solo un istante del tempo? Scopriamolo insieme in questa mia recensione. Alla prossima!

Copia digitale fornita dall’autrice ai fini promozionale

Scheda Tecnica del Libro 📑📑📑

  • Titolo: I guardiani della storia
  • Autrice: Elisabetta Cametti
  • Serie: Serie k #1
  • Editore: Cairo Editore
  • Genere: Thriller
  • Data di Pubblicazione: 29 Agosto 2018
  • Pagine 635
  • Prezzo:
    • e – Book 6,99€
    • Cartaceo 12,90 / 14,90€
  • Disponibilità: Amazon & iTunes

Trama del Libro 📚📚📚

Katherine Sinclaire è una donna che ama le sfide.
Il suo talento l’ha portata a diventare direttore generale della 9Sense Publishing, una delle più potenti case editrici mondiali.
È abituata ad avere tutto sotto controllo, ma quando entra nell’ufficio del suo amministratore delegato e lo trova morto, il mondo le crolla addosso. Bruce Aron si è suicidato, decretando la fine dell’impero della 9Sense, ma prima di premere il grilletto ha lasciato un messaggio che contiene un codice segreto.

Un messaggio che è destinato solo a lei.
L’indizio trascinerà Katherine in un labirinto di conoscenze antichissime, verità inconfessate e riti esoterici legati a una delle civiltà più misteriose della Storia: gli Etruschi.

In un tumultuoso viaggio da Londra alle viscere dell’isola Bisentina, Katherine si troverà a lottare contro un destino implacabile e scoprirà di essere la protagonista di una storia millenaria.

Recensione del Blog 🖋 📝 💻

Iniziare la lettura di una serie dal terzo volume di solito non è consigliato, ci si possono perdere tanti elementi di congiunzione tra i vari volumi e alla fine si rischia di non comprendere la storia. Avendo avuto questo particolare approccio con i titoli dell’autrice Elisabetta Cametti, devo confessare – con mia meraviglia – che non ho avuto nessuna difficoltà a comprendere tutta la storia in Dove il destino non muore, in quanto l’autrice ha avuto la capacità e l’arguzia di inserire quei pochi e precisi elementi che mi hanno permesso di “non perdermi” in mezzo alla narrazione e di apprezzarne la storia a 360° C e incuriosirmi a tal punto da voler leggere i precedenti titoli della serie stessa.

Quanto tempo ci vuole per stravolgere la vita di una persona? Minuti, giorni o anni? A Katherine Sinclaire bastano pochi attimi per ritrovarsi senza il suo capo, un messaggio cifrato e senza un lavoro, avvolta in una spirale di bugie e inganni, tradita alle spalle da chi credeva amico, delusa dall’avidità delle persone, e pronta a combattere con tutte le sue forze per riprendersi quello che le è stato tolto, fare giustizia e scoprire la verità.

Finalmente conosciamo Katherine, una donna forte e intraprendente che ha un ruolo determinante all’interno della 9Sense Publishing. Carica di brio e con tanta voglia di crescere, non nasconde anche un animo sensibile ed altruista.
Suo malgrado si troverà ad affrontare una situazione più grande di lei, incomprensibile dove non sa di chi fidarsi e invece di cedere alla disperazione, cerca di trovare le risposte alle tante domande che la morte del suo capo ha lasciato.

L’autrice inizialmente ci presenta tutti i personaggi e il loro ambiente lavorativo, con piccole situazioni che permette al lettore di conoscerli, di far propri i nomi e di intravedere la natura del loro carattere. Li conduce insieme fino al momento cruciale della storia, in cui tutto sarà messo in discussione, i ruoli di potere si invertiranno, le alleanze cadranno e le amicizie verranno tradite.
Situazioni e personaggi non appaiono mai banali o scontati, anzi sono ben caratterizzati e resi reali, e molte volte nella lettura ci si ritrova a fare un applauso a Katherine per l’idea che ha avuto o di fare la linguaccia al cattivone come a dirgli ben ti sta!
Elisabetta riesce a scrivere creando empatia e simpatia con il lettore, che si ritrova sempre a tifare per il suo personaggio preferito e quasi a dirgli di stare attento e riflettere.
In questo primo libro, Katherine è molto più immatura, non ha ancora coscienza e consapevolezza piene del mondo dei guardiani, dei simboli, della magia degli antichi, ma l’apprende piano piano rimandone affascinata, sconvolta, ammaliata, scettica e a volte arrabbiata e delusa.
Non accetta tutto così com’è… anzi spesso lo rifiuta, cerca di trovare una spiegazione diversa, ragiona con la sua testa partendo dalle informazioni in suo possesso per arrivare alla stessa conclusione e verità o per provare a confutarla.

La narrazione prende un ritmo sempre più incalzante, ma mai opprimente, e nemmeno quando rallenta con i momenti in cui si “cerca” o si “spiega” diventa noiosa o fa perdere interesse, anzi il lettore si trova maggiormente coinvolto in quei momenti come se li stesse vivendo in prima persona.
Funziona analoga le descrizioni, quei dettagli che non servono ad allungare la storia, ma bensì a renderla vera, a farla uscire dalle pagine bianche del libro e a trasformarla da simboli stampati a immagini cinematografiche che scorrono davanti agli occhi, a rendere viva l’immaginazione.

In Sintesi…

K – I guardiani della Storia si dimostra un thriller ben scritto e strutturato, che cresce di intensità lentamente, avvolgendo e guidando il lettore dalle prime pagine introduttive fino a quelle conclusive che se da una parte risolvono un mistero, dall’altra creano un collegamento ad una storia più antica, di cui unica protagonista è Kathrine.
L’autrice riesce a intrecciare due storie: quella personale e quella dinastica di Katherine, e quest’ultima non pesa né ostacola la prima, ma anzi serve da supporto e paradossalmente la rende più credibile.
Non manca un’accurata ricerca storica e un’ottima conoscenza e padronanza delle tradizioni e delle credenze degli Etruschi, che li pone come una verità unica per spiegare quello che il sapere moderno non è ancora riuscito a fare e ponendoli come radice inconsapevole della nostra cultura.
Tanti gli elementi fusi insieme: il mistero, l’ironia, la storia, l’avidità, la ricerca, il romance, l’intrigo, la magia. Tutti elementi che rendono il romanzo completo e intrigante, coinvolgente e avventuroso.

5 SUSSURRI DELLE MUSE

In attesa di leggere il prossimo libro, vi consiglio vivamente la lettura di questo! E a voi è piaciuto?

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.