Il tocco del maestro di Annalisa Pardi

La strada di ogni traguardo è fatta di rinunce. Quanto sei disposto a soffrire per avverare i tuoi sogni? Ecco le premesse per il romanzo di Annalisa Pardi Il tocco del maestro.

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali

Titolo: Il tocco del maestro
Autrice:
Annalisa Pardi
Editore: Leone Editore
Collana: Sàtura
Data di Pubblicazione: 20 Febbraio 2020
Genere: Romanzo
Pagine: 468
Prezzo: 13,90
Disponibilità: Leone Editore & Amazon

WordPress.com

Svezia, 1899.
Il giovane falegname Jan Axelsson coltiva il sogno ambizioso di diventare uno scultore. Quando uno dei maggiori artisti svedesi giunge a fargli visita nella bottega del paese, Jan resta incredulo di fronte alla sua proposta: è infatti invitato a trascorrere sei mesi nella residenza estiva del maestro Arthur Wa-denius, per divenire suo apprendista e aiutarlo nella realizzazione di un trittico marmoreo.
Il celebre scultore è ormai stanco, oppresso dall’asma e provato dal troppo lavoro e resta affascinato dalle capacità del ragazzo prodigioso. Ma la presenza del giovane sta compromettendo il fragile equilibrio familiare e Wadenius organizza il matrimonio di sua figlia Nora con il medico Gustav Lind, affinché la loro unione possa impedire l’avvicinamento tra lei e l’umile artigiano.
Attraverso la dedizione, lo studio e la pazienza, Jan Axelsson si troverà a dover fronteggiare le trappole, le umiliazioni e il complicato carattere del suo maestro. Il giovane apprendista dovrà orientarsi tra i segreti, gli inganni, i tormenti e le vicissitudini che è costretto a subire, per portare a termine il lavoro e raggiungere la sua consacrazione artistica, senza mai cedere al desiderio di conquistare la giovane amata.

«Il mio allievo non può arrivare alla scultura senza prima aver assaggiato la privazione. Deve giungere all’arte dopo essersi svuotato di sé, e riempito di ciò che io vorrò fare di lui. L’umiliazione è parte fondamentale di ogni percorso. Io sono stato umiliato dai miei insegnanti, è fatale e necessario. Non andrà diversamente con il piccolo carpentiere di paese.»

Annalisa Pardi è nata a Pisa nel 1981. Laureata in Lettere, si è specializzata in Storia del Teatro e della Drammaturgia. Nel 2003 ha fondato la compagnia teatrale Quieta Movere per la quale compone numerosi testi drammaturgici. Nel 2018 ha dato vita allo spazio Balabiòtt-tana d’artista, sede dell’omonima associazione di promozione sociale per arte, teatro e cultura. Con Leone Editore ha pubblicato Trio (2014) e A solo (2016). Attualmente insegna teatro, danza e burlesque e tiene corsi di dizione e scrittura creativa.

Buona lettura!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.