Fondamenta dei curabili – cronache di una quarantenne veneziana di Natalya Rapaport

Fondamenta dei curabili – cronache di una quarantenne veneziana di Natalya Rapaport: l’esperienza del primo lockdown, raccontato dal punto di vista di una professoressa russa che vive da anni negli Stati Uniti. Si tratta di una cronaca ai tempi del primo lockdown di una signora che non conosceva bene la lingua, ma che ha dovuto adattarsi all’Italia e a tutte quelle regole – necessarie – visto il periodo.
Questo è il diario di una persona che la vissuta in un paese straniero. E la sua testimonianza.

Natasha Rapoport, in questo scritto, racconta la sua esperienza nel primo lockdown, a Venezia. La cronaca di mesi trascorsi in casa, nella paura dell’imprevisto, nell’ostacolo dell’idioma, nel pericolo di camminare per le strade, deserte, del capoluogo veneziano. 
La storia di un viaggio di una famiglia che ha tanto da rivelare di quel periodo.
Leggiamolo con gli occhi di chi si è trovato in un paese straniero, un paese che ha dovuto chiamare “casa”.

Natalya Rapaport, Dottoressa in Filosofia (Ph.D.) e Dottoressa di Scienza (D. Sc.), Professoressa di Ricerca Emerita in ingegneria biomedica, è una pioniera nonché leader nel campo della somministrazione mirata di farmaci chemioterapici. Nel 1990 è stata invitata dall’Università dello Utah negli Stati Uniti, trasferendosi dalla Russia. La Dottoressa Rapoport ha pubblicato oltre 100 articoli scientifici, capitoli e una monografia. La sua ricerca scientifica è stata insignita di prestigiosi riconoscimenti e brevetti ed è stata pubblicata da Reuters, Bio Century Publications, United Press International e altri mass media.

Natalya Rapoport affianca alla sua attività scientifica la scrittura di romanzi ed è un membro dell’Unione degli Scrittori di Mosca. Il suo primo memoriale, con tema “il complotto dei medici”, è stato pubblicato nel 1988 sulla popolare rivista russa “Yunost”. Il racconto è stato poi pubblicato in Italia, Francia, Olanda, Inghilterra e negli Stati Uniti, insieme a quello scritto da suo padre, Yakov Rapoport, un medico patologo di fama mondiale. Natalya Rapoport ha pubblicato cinque libri di memorie e saggi letterari in lingua russa. I suoi libri riscuotono un grande successo tra il pubblico di lettori russi.

Nel 2014 il suo romanzo autobiografico “Personal affair” ha ricevuto la nomination al prestigioso Premio letterario federale russo “Big Book”. Nel 2020 la casa editrice internazionale World Scientific Publ. ha pubblicato il suo primo romanzo in lingua inglese “Stalin and Medicine. Untold Stories”, che gode del favore della critica.

Sostieni il blog! ⬇️⬇️⬇️

Buona lettura!

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali.

Leave a comment…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.