Fingergate di James Rayburn

E non poteva sicuramente mancare un thriller tra le nuove uscite… ma secondo voi Leone Editore avrà capito che è uno dei miei generi preferiti? Sicuramente sì! E a voi piace? Parliamo di Fingergate di James Rayburn.

UNA DONNA IN FUGA CON SUA FIGLIA. UN UOMO DISPOSTO A TUTTO PER RITROVARLA.
UNA SPY STORY DI ALTA CLASSE.

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali
  • Titolo Fingergate
  • Autore: James Raygurn
  • Editore: Leone Editore
  • Collana: Mistéria
  • Genere: Thriller
  • Data di Pubblicazione: 23 Gennaio 2020
  • Pagine: 414
  • Prezzo: 14,90€
  • Disponibilità: Leone Editore & Amazon

La vita di Kate Swift non è di certo tra le più tranquille.
Dopo la morte di suo marito Yusuf, un infiltrato nella pericolosa rete di Al-Qaeda per conto del governo americano, a lei e a sua figlia Suzie non è rimasto altro che fuggire, e tutto questo mentre un segugio come Lucien Benway, ex agente della Cia, continua a braccarle. Perché Lucien ha un conto in sospeso con Kate: è lei che l’ha rovinato e che gli ha fatto perdere il lavoro e ora lui non vede l’ora di fargliela pagare.
A Kate, dunque, non resta che lasciare gli Stati Uniti e volare fino in Thailandia. Qui c’è Harry Hook, un uomo a pezzi, dedito soltanto al vizio dell’alcol.
Hook sa che c’è un solo modo per salvare Kate dalle grinfie di Benway: farla scomparire inscenando la sua morte e lasciando di lei una sola traccia, quel dito che darà inizio allo scandalo che i media americani chiameranno Fingergate.
In un crescendo di adrenalina e con una sottile analisi psicologica, James Rayburn costruisce una perfetta alchimia narrativa: azione, suspense, amore, gelosia, vendetta. Una avvincente spy story, popolata da personaggi coraggiosi in cerca di riscatto, nella splendida ambientazione esotica di Bangkok.

La fitta vegetazione della giungla era stata incenerita quando la notte precedente l’Airbus A320 era precipitato da un’altezza di quindicimila metri ed era esploso nell’impatto; il serbatoio quasi pieno era saltato in aria in un’enorme palla di fuoco visibile a cinquanta chilometri di distanza, o almeno così dicevano i thailandesi. Quel sacco per cadaveri, che gli penzolava sulle braccia allungate a mo’ di offerta, sembrava leggerissimo. L’aereo era stato quasi del tutto distrutto, e della carlinga non era rimasto nulla.

James Rayburn è lo pseudonimo di Roger Smith, regista e scrittore sudafricano, noto soprattutto per i suoi thriller ambientati a Città del Capo.
I suoi romanzi sono stati già pubblicati nel Regno Unito e tradotti in tedesco, francese, giapponese, italiano, spagnolo e ceco.

Buona lettura!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.