Books Events Delos Digital Publishing House Reviews

E il resto è vita di Maria Campanaro

E il resto è vita è il racconto della storia di una famiglia, di un gruppo di amici, di antagonisti, le cui vite nel corso di vent’anni si intersecano, si allontano e poi tornano ad intrecciarsi per dare vita ad una storia complessa, dove la vita, l’amore e le scelte dei suoi protagonisti ne determinano il loro svolgimento, sotto l’attento controllo dell’autrice che li ha resi vivi con la sua penna.
L’amore di Alba e Stefano nasce per caso o è il segno di un riscatto e un nuovo inizio nelle vite di Enrico, Kristel e Stefano?

Maria Campanaro ha creato una storia principale che dentro di sé narra e intreccia le storie singole di tutti i personaggi coinvolti. Non è facile gestire una tale scelta narrativa, si rischia di perdere dettagli, di mostrare incongruenza tra una storia e l’altra e soprattutto è impossibile dare importanza all’una o all’altra storia.

Leggendo la trama sorge spontanea la domanda: quale storia leggeremo? Chi saranno i protagonisti? Nel corso della lettura è possibile rispondere così: la storia di tutti e tutti sono protagonisti.

È sicuramente una scelta azzardata, in quanto si discosta dalle consuetudini cui è abituato il lettore, che anche nelle serie trova un titolo dedicato ad ogni coppia di protagonisti in cui è possibile conoscerli a fondo; questo non vuol dire che sia una scelta sbagliata, anzi può dimostrare non solo l’originalità dell’autrice a proporre qualcosa di diverso e mostrare al pubblico anche la sua bravura narrativa.

Nel complesso la scelta dell’autrice a me è piaciuta, ed è stata brava a raccontare in parallelo tutte le storie giocando con gli sbalzi temporali e integrandoli seguendo una logica ben schematica, ovvero scegliendo dei momenti specifici che raccontavano le stesse vicissitudini ma verificatosi in anni diversi e vissuti da coppie diverse.

Ho notato però una certo squilibrio nella storia, in quanto c’è una maggiore attenzione nella storia di Enrico e Kristel, che è onnipresente in tutto il romanzo e abbastanza determinante per ogni evento, e manovra anche la storia di Stefano ed Alba.
Allo stesso tempo però, l’autrice accenna ad alcuni elementi quali un ultimatum di Enrico nei confronti di Stefano del passato e del presente, che si perde e non viene raccontato; oppure non si parla dell’innamoramento di Stefano ed Alba che è l’elemento essenziale di tutto il romanzo, lasciandolo intendere e basta. Allo stesso modo, manca assolutamente la presa di consapevolezza di Stefano di non amare più Kristel, fatto passare come uno dei tanti gesti da gentiluomo di lui nei confronti della donna, da suo “angelo custode”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.