Come passiflora di Giovanna Ceriotti

Come passiflora di Giovanna Cerotti: il romanzo che celebra il valore dell’amicizia e della forza interiore, dal 28 Ottobre 2021 in libreria e online per Golem Edizioni.

TORINO, OTTOBRE 2021 – Tilde e Nora non potrebbero essere più diverse: ottant’anni la prima, quindici la seconda. All’improvviso si ritrovano a essere vicine di casa ed ecco che i pomeriggi si riempiono di chiacchiere, di confidenze, di ricordi del passato e dei drammi adolescenziali del presente. Tra le due protagoniste nascerà un’amicizia forte e resiliente come la passiflora che cresce nel giardino di Tilde. Come passiflora è un romanzo profondo e introspettivo, in grado di arrivare al lettore fin dalle prime righe. Una storia in cui due generazioni di donne si confrontano, facendo nascere un’amicizia unica e sincera che fa da scudo dai colpi bassi che la vita infligge.

Perché il riferimento alla passiflora? «Perché la passiflora è molto forte e dà l’impressione di non volersi arrendere mai» spiega l’autrice, Giovanna Ceriotti. «Il titolo prende spunto da una frase che la protagonista Tilde, ottant’anni, dice alla sua giovane amica Nora, spronandola a essere come il fiore della passiflora, che fa dell’ostacolo che incontra il sostegno per arrampicare più in alto.»Quella tra Nora e Tilde è un’amicizia preziosa e insolita, ma proprio per questo è veritiera, da cui entrambe le protagoniste possono imparare e crescere. «Credo sia molto importante ascoltare le persone sole e anziane, perché la ricchezza del loro mondo e dei loro ricordi può donare energia ai più giovani»prosegue la Ceriotti, che poi aggiunge: «Vorrei che passasse il messaggio che essere fuori dal coro come lo è Nora, così diversa dalle sue coetanee, non sia un fatto negativo, perché tutti possono trovare la propria strada».

«Perché piangi, Tilde?»
«Perché sono contenta» rispose passandosi il dorso delle mani sugli occhi umidi. «E quando si è contenti, si piange. Come quando si ama. A volte si ama così tanto che l’unico modo di dimostrarlo è piangere. Non perché sia un amore difficile o malato o pieno di sofferenza, no. A volte l’amore più puro porta lacrime di gioia. E io ora piango.»

Nora ha quindici anni, Tilde ottanta.
Diventano vicine di casa senza volerlo, l’una affranta per la separazione dei suoi e il recente trasferimento, l’altra rinchiusa con determinazione nel suo mondo di vecchia. Nasce tra loro un’amicizia tenera e forte, con giornate trascorse nella semplicità della cucina e dell’orto di Tilde, dove confessarsi diventa normale davanti a un dolce tiepido o a un fiore di passiflora. 

Giovanna Ceriotti, nata in provincia di Milano, vive da sempre ad Arconate.
Ha pubblicato: Sugar, Coniglio Carta da Zucchero (Galaad Edizioni, 2010), Un anno con Sugar Coniglio (Galaad Edizioni, 2011), Che storie, Sugar! (O.G.E. Edizioni, 2012) indirizzati ai bambini; Estate sull’isola a farfalla (A&B Editrice, 2015), Tutto per un comodino (A&B Editrice, 2016), Con occhi pieni d’infanzia (Bolis Edizioni, 2017), Il mare alla fine (A&B Editrice, 2019).
Presenta i suoi libri per ragazzi presso le scuole primarie e secondarie, parlando spesso di diversità attraverso il personaggio di Sugar Coniglio. I suoi romanzi hanno ricevuto riconoscimenti a premi letterari nazionali e internazionali.

Sostieni il blog! ⬇️⬇️⬇️

Buona lettura!

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali.

Leave a comment…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.