LOADING

Type to search

Share

Carissimi amici lettori, oggi vi parlo del libro di Bianca Baratto Come la montagna di Maometto edito da La strada per Babilonia e che grazie alla casa editrice ho avuto il piacere e l’onore di leggere in anteprima per il blog. Il primo consiglio che posso darvi, nel caso vogliate leggerlo, è di non prenderlo sottogamba e di non giudicarlo un romanzetto d’amore semplice e banale, perché non lo è. Bianca ci parla d’amore, di delusione, di insicurezza, di paura, di bigottismo ma anche di rinascita e crescita, di coraggio, di cambiamento e di voglia di vivere.

Copia digitale fornita dalla CE ai fini promozionali

Scheda Tecnica del Libro 📑📑📑

  • Titolo: Come la montagna di Maometto
  • Autrice: Bianca Baratto
  • Editore: La Strada per Babilonia
  • Genere: Narrativa
  • Data di Pubblicazione: 3 Giugno 2019
  • Pagine: 162
  • Prezzo:
    • Cartaceo 14,00€
  • Disponibilità: La Strada per Babilonia / Amazon / Librerie & Store online

Trama del Libro 📚📚📚

Quando si parla di “cambiamento” si tocca un tasto importante, può generare paura, ma è solo   incertezza di ciò che sarà mentre lasciamo andare ciò che fino a quel momento era certo.
La paura di lasciare andare il dolore a cui ci siamo abituati mentre non sappiamo se la nuova strada che stiamo per intraprendere sarà quella giusta.
Di questo narra il romanzo: COME LA MONTAGNA DI MAOMETTO.
Le vite di donne straordinarie si intrecciano, grazie agli eventi inaspettati che sconvolgono le loro esistenze, a quella di un uomo coraggioso che ad un certo punto del suo cammino è obbligato a rimettere in discussione tutte le sue certezze e a guardare in faccia la realtà.

I nostri protagonisti, attraverso le loro vicende, arriveranno a comprendere che “Quello che conta non sono le nostre certezze, quello che conta sono i nostri cambiamenti”.
Il più prezioso di tutti è quello che ci spinge da ciò che abbiamo sempre
creduto di essere a ciò che veramente “siamo”.

Gioia, Max e Astrid e Matilde vi condurranno in una storia ricca di descrizioni, di avvenimenti, un viaggio alla scoperta di emozioni e posti incantevoli.

Come la montagna di Maometto di Bianca Baratto

Recensione del Blog 🖋 📝 💻

Come spesso ho ripetuto i libri vanno inquadrati in uno o più generi per avere un approccio migliore alla lettura e alla comprensione, e anche per essere sicuri che rientrino nei propri gusti letterari.
Il libro di Bianca, cosa che difficilmente accade, io non mi sento di limitarlo al solo genere di narrativa come ci indica la scheda tecnica, invece lo definisco un romanzo di formazione e d’amore, e consiglio vivamente a tutti di leggerlo.
Un libro che deve essere letto con il cuore e con la mente inscindibilmente, e la cui lettura non deve essere superficiale o un passatempo, ma attenta. 

Tranquilli non è un libro difficile anzi tutt’altro.

È un libro che ha la capacità di far immedesimare nella storia e nelle tematiche trattate qualsiasi lettore.

Tutti siamo figli e come tali abbiamo avuto abbiamo avuto un litigio, un’incomprensione e mancanza di comunicazione con i nostri genitori.
Genitori che a loro volta sono stati educati in un determinato modo, in un mondo in cui i cambiamenti negli equilibri della famiglia non erano presi in considerazione e in cui i figli non avevamo molta voce in capitolo, e dovevano “affidarsi” all’autorità paterna.

Bianca mette in mostra questa principale conflitto tra Gioia e i suoi genitori, negli anni ‘70.
I genitori che hanno ruoli ben definiti: il padre lavora e mantiene la famiglia e pertanto è il capo di essa, la moglie che bada alla casa e ai figli, sottomessa al marito. Così sono stati cresciuti e per loro è l’unico esempio di famiglia cui sono abituati e che ripropongono per loro stessi. È giusto? È sbagliato? Loro non lo sanno e anche se sono stati infelici, non hanno potuto dare voce alla loro infelicità … la vita va così. 
L’insoddisfazione dei coniugi dilaga. Ma nessuno si oppone. È stato loro insegnato che non si fa.

Coma la montagna di Maometto di Bianca Baratto

E in questo clima Gioia che ha un carattere diverso, figlia di un’altra generazione che si confronta con un’altra realtà e al compromesso non ci sta. Non capisce i suoi genitori, non comprende la loro mancanza di comunicazione e l’incapacità di dimostrarle amore, comprensione e di spronarla a realizzare i suoi sogni. Loro non sanno farlo. E Gioia non lo comprende, ma allo stesso tempo ha bisogno di molto di più che il contentino del momento. Come fare quindi?

Gioia potrebbe mollare tutto e vivere una vita di compromessi, una vita insoddisfatta, una vita dove i suoi sogni non sono importanti, dove lei non è importante, e conformarsi alle regole morali e sociali e al bigottismo dilagante, odiando così ogni attimo della sua vita.

Lo fa per un po’. E poi? E poi esplode e comprende che la vita è sua e deve viverla nel migliore dei modi, che le è stata donata per essere felice, per amare ed essere amata, accettata e accettarsi con i propri mille difetti. 
I problemi ci sono e ci saranno sempre, basta saperli affrontare. Non farsi scoraggiare e vincere dalla paura.
La paura è la nostra peggior nemica, quella che rende insicuri e che fa cercare aiuto altrove nella speranza che i problemi li risolva qualcun altro. Ed invece no, Gioia impara a sue spese, facendo le sue esperienze di vita, che la paura può essere complice e rendere le insicurezze i punti di forza che spronano ad avere coraggio e vincerla, e a guadagnarsi la propria felicità.

E quindi altro tema importante è l’accettazione di sé stessi e delle proprie abilità, o diversità. Non siamo tutti uguali, fatti a stampo, ma ciascuno di noi ha un carattere, una forza d’animo e delle esigenze diverse, che solamente dopo la completa accettazione di noi stessi e dei propri limiti saremo in grado di dare il meglio di noi.

Ma anche accettazione delle responsabilità delle proprie azioni.
Come l’autrice afferma, la vita ci da tutti i mezzi per affrontarla e viverla, sta a noi decidere cosa fare e come farlo. E ogni nostra decisione porta a delle conseguenze, positive o negative che siano, dobbiamo accettarle per imparare, per crescere, per non sbagliare di nuovo e per costruire un altro mattone della nostra felicità.
E questo implica anche il perdono. Di chi? Di noi stessi e dei nostri errori in primis, ma anche di chi interferendo nelle nostre vite, involontariamente ci ha recato danno però ci ha dato la forza di far emergere il nostro vero carattere e il nostro coraggio.
Ed infine, l’amore. Il sentimento di cui ogni essere vivente non può fare a meno. Tutti lo desiderano, tutti lo cercano e in pochissimi lo trovano. Perché la vita è crudele e non concede tale dono a tutti? E allora che senso avrebbe la vita stessa che è la sua massima espressione?

Citando ancora l’autrice, la vita ci dà tutto quello di cui abbiamo bisogno sta a noi riconoscerlo e afferrarlo. E vale anche per l’amore.

Come la montagna di Maometto di Bianca Baratto

Lo dimostra nel suo libro con la storia di Gioia, la vita la mette a confronto con l’amore più volte, sta a lei decidere quale sia quello che la renderà veramente felice.

In Sintesi…

Come la montagna di Maometto è una lettura intesa, complessa ma semplice allo stesso tempo.
Semplice in quanto l’autrice usa l’espediente della storia d’amore quasi perfetta e inverosimile, per trattare tematiche profonde e attuali, problemi complessi che spesso vengono purtroppo banalizzati e usati – da tanti autori – solo per “accrescere” l’interesse dei lettori, denotando l’ignoranza in merito all’argomento da parte di chi scrive.
Invece, Bianca è riuscita a parlare di argomenti scottanti come la mancanza di comunicazione nelle famiglie, l’insoddisfazione coniugale, l’accettazione, la speranza, il desiderio di realizzare i propri sogni, il rimorso e la disabilità in maniera toccante e intensa, denotando una profonda conoscenza dei temi e rispetto nell’approccio a tali argomenti.

Un libro in cui ogni lettore può rispecchiarsi, rivivendo la propria esperienza personale o imparando un approccio diverso alla vita.
Un libro che consiglio vivamente di leggere.

5 SUSSURRI DELLE MUSE

Vi sono piaciute le card che ho realizzato? Volevo mostrarvi alcuni estratti importanti della storia, con delle immagini che rappresentassero la storia raccontata da Bianca.
E continuate a seguire il Blog… nei prossimi giorni troverete un’intervista all’autrice… speriamo che accetti di rispondere alle mie tantissime domande.
Alla prossima!

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.