Beyond the Veil di Margherita Maria Messina

Vi presento la nuova uscita Words Edizioni: Beyond the Veil, un fantasy romance che segna l’esordio di Margherita Maria Messina.

Curiosi di saperne di più, vi lascio alla lettura dell’articolo.

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali

Titolo: Beyond the Veil
Autore: Margherita Maria Messina
Editore: Words Edizioni
Data di Pubblicazione: 28 Ottobre 2020
Genere: Fantasy Romancce
Pagine: 225
Prezzi:
e – Book 2,99€ / Cartaceo 15,90€ / Kindle Unlimited

“Ognuno di loro custodisce storie e vite, piccola mia. Devi sempre osservarli con estrema attenzione. Nascondono, a volte, anche pericolosi segreti, che forse è meglio rimangano tali.” Con queste parole custodite nell’anima, Emma Valenti, giovane laureata in Conservazione e Restauro, approda tra le mura del più antico monastero nel cuore della Foresta Nera.

Ancora scossa per la perdita dei genitori, periti in circostanze poco chiare
proprio in Germania, Emma sa di essere l’unica in grado di scoprire la verità.

Tra quelle antiche mura, Emma si scontrerà con l’austero professor Von Richt, custode di un antico segreto, e tenere a bada l’attrazione tra loro sarà quasi impossibile.

Proprio nel cuore di quel monastero, tuttavia, si cela una maledizione che narra di un passato fatto di inganni, tradimenti e una vendetta bramata dal fantasma di un oscuro abate.

Aveva perso il conto.
Quante frustate le avevano dato? Quaranta… sessanta… Non lo rammentava più.
Il pavimento gelido aveva accolto il tremendo dolore che aveva alla schiena, alle braccia, a tutto il corpo. La pelle era lacerata, marchiata e il respiro lento e difficoltoso mentre cercava di tenere gli occhi aperti. Il sonno la chiamava.
I capelli, sparsi fra schiena e pavimento, sfregavano sulle ferite, facendola gemere di dolore. Provò a muoversi, ma il corpo non rispose alla propria volontà. Era stanca, devastata dalle innumerevoli torture che Faustus le aveva inflitto, infangando il suo nome, quello del padre e dell’amato Hector.
I pensieri corsero all’abate: non gli aveva detto abbastanza quanto lo amasse e quanto gli era grata per quei giorni trascorsi insieme, per l’affetto che le aveva donato.
E ormai era troppo tardi.
Lui non c’era più. La loro vita insieme non c’era più.
Gli occhi si mossero deboli ad osservare la fede che portava ancora al dito. Almeno quella non le era stata tolta.
Il suo ciondolo, invece, era sparito nel nulla.
E questo aveva alimentato l’odio di Faustus nei suoi confronti.
Strega.
Puttana.
Meretrice.
Rifiuto.
Quanti altri insulti le aveva rivolto, mentre le venivano sferrati calci e pugni? Perché non l’aveva ancora uccisa?

Margherita Maria Messina. O semplicemente Meg. Classe 1989, è siciliana e nelle sue vene scorre il sangue della sua madre naturale, l’Etna.
Laureata in Storia dell’Arte, è specializzata in Conservazione e Restauro dei beni archivistici e librari. Cura e gestisce un blog letterario da due anni, Il Libro sul Comò di Meg, dove promuove autori emergenti e piccole case editrici. Ama la storia, soprattutto l’epoca medioevale e l’Ottocento.

Buona lettura!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.