Astrid la giostrai di Filippo Bessone

Astrid la giostraia romanzo d’esordio di Filippo Bessone che racconta il dono dell’amicizia e della felicità per Golem Edizioni, dal 28 Ottobre 2021 in libreria e online.

Un racconto senza un vero inizio e senza una vera fine. Una storia raccontata tra immagini e parole e da un punto di vista particolare: quello del cavallo giocattolo di una giostra. 

Astrid la giostraia è un racconto divertente, ma allo stesso tempo molto istruttivo. Una favola adatta a tutti, una storia per ridere, per giocare, per sognare e per essere felici.

Ma chi è Astrid? «Astrid è una giostraia che ho realmente conosciuto e che mi evoca il Luna Park, per questo motivo ho voluto omaggiarla» spiega l’autore, Filippo Bessone. «Io sono un cantastorie e i cantastorie raccontano di quei mondi un po’ veri e un po’ inventati, dando vita a personaggi che a volte hanno incontrato davvero e a volte no.» 

La storia è ambientata nelle piazze e nelle strade di piccoli paesi, dove una volta all’anno si radunano le giostre in occasione delle fiere e delle sagre tradizionali.

«L’idea nasce dalla volontà di vedere sotto un’altra ottica il mondo dei giostrai, raccontandone una storia diversa, inclusiva, narrando soprattutto la gioia che sanno portare nelle nostre piazze e nelle nostre vite.» La stessa gioia che l’autore, Filippo Bessone, è solito portare attraverso le sue rappresentazioni teatrali in piemontese, per le quali è molto amato e conosciuto nella provincia di Cuneo. «Credo che il regalo più bello che si possa fare sia donare qualcosa al prossimo, nel libro nello specifico si tratta di donare la possibilità di rimanere bambini, vedendo il mondo da un’altra prospettiva.»Qual è il lettore ideale per il tuo racconto? «Il target è vasto, dalle chiavi di lettura più disparate. I grandi e i meno grandi vi potranno trovare spunti di riflessione su modi diversi di intendere la vita, ai più piccoli lo si potrà leggere come racconto dai risvolti sociali.»

Chi sono io?
Uno dei tanti cavalli giocattolo di metallo, di legno o di plastica che ruotano intorno alla giostra.
Vi racconto una piccola storia, animata da disegni e parole che parlano di piccole donne e di piccoli uomini proiettati verso un futuro fatto di incertezze e di speranze.

Filippo Bessone e Daniele Guolo (illustratore) vivono in provincia di Cuneo. Comuni amici li hanno avvicinati e da quando si sono conosciuti hanno incominciato a giocare insieme. Pippo non è uno scrittore, come Daniele non è un illustratore, ma entrambi amano raccontare delle storie semiserie, poco serie ma molto vere. Ognuno di loro ha un linguaggio espressivo differente: il primo ama cavalcare le scene e i palcoscenici delle piazze e dei teatri, il secondo galoppare solitario nei sentieri della rappresentazione. Tutti e due però amano affondare le proprie ricerche curiosando nei luoghi e nelle memorie altrui. Ormai non sono più giovani ma la voglia di giocare non li abbandonerà mai.

Sostieni il blog! ⬇️⬇️⬇️

Buona lettura!

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali.

Leave a comment…

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.