Amore contrario di Luisio Luciano Badolisani

Amore contrario, il romanzo nato dalla penna di Badolisani, che racconta la voglia di amare e la paura di essere amati. Dal 17 giugno 2021, in tutte le librerie e negli store online, edito da Golem Edizioni.

TORINO, GIUGNO 2021 – Ernesto è un insegnante settantenne in pensione. Solitario e all’apparenza burbero, si ritrova a ripercorrere gli amori passati, a ricordare le donne con cui avrebbe potuto essere felice, se solo avesse concesso loro la possibilità di amarlo. Ma perché si comporta così? Quali sono le ferite che hanno portato Ernesto a respingere l’amore?

Quella di Amore contrario è una trama ricca di sorprese e colpi di scena, in grado di tenere il lettore incollato dalla prima all’ultima pagina. L’uscita in tutte le librerie italiane è fissata per il 17 giugno 2021.

Perché il titolo “Amore contrario”? «Posso dire che il titolo è stato l’elemento scatenante, quello da cui partire e da riempire di contenuti» svela l’autore. «Amore contrario è una definizione che mi piace, che trovo adatta a chi ama molto e allo stesso tempo fa di tutto per non farsi amare. Secondo il protagonista, per sottrarsi a ogni patimento, bisogna amare evitando di farsi amare, in modo da non nuocere all’altro. Un amore al contrario, appunto.» 

Nel romanzo le donne svolgono un ruolo centrale, da quelle che Ernesto ha amato a quelle che lo hanno aiutato, come la sua insegnante al liceo, ma soprattutto Silvia, la sorella di Ernesto. «Ernesto e Silvia non hanno avuto un’infanzia facile, poiché caratterizzata dalla violenza domestica e dai problemi psicologici di Silvia, considerata quindi “diversa”, specie per le convinzioni sociali dell’epoca.»  

Amore contrario offre diversi spunti di riflessione su più temi: da un lato la scelta di non farsi amare per non soffrire, che conduce inevitabilmente alla solitudine. Dall’altro, le difficoltà familiari e la violenza e infine la diversità, che spaventa e induce le persone a isolarsi e isolare. «Normalmente, chi ama molto tende a voler essere ricambiato: si ama cercando amore. Così ho pensato di raccontare la negazione di un legame affettivo, vista come la soluzione a un problema, perché se le peggiori sofferenze si subiscono in famiglia, luogo che dovrebbe essere di protezione e di amore, allora meglio evitare relazioni che possano provocare nuovamente tanto dolore.»


È il 15 agosto quando, alla porta di Ernesto, solitario insegnante in pensione, bussano delle donne misteriose, ma egli, spossato dal caldo estivo, invece di aprire preferisce riposare e seguire il corso dei suoi pensieri, che lo riportano a episodi e persone del proprio passato: gli amori tormentati, i genitori, l’adorata sorella Silvia.
La vita affettiva del protagonista sembra essere inesorabilmente compromessa: come ogni uomo, pur essendo desideroso di amare, risulta incapace di accogliere questo sentimento dalle sue donne, rifuggendo dai legami stabili per non soffrire o far soffrire, perché certe ferite non si rimarginano mai.

Luisio Luciano Badolisani, formatosi a Torino alla fine degli anni Settanta, è nato artisticamente come autore e interprete teatrale. Ricordi sincronizzati e Ultimo atto sono alcuni dei suoi monologhi più significativi di quegli anni. Nello stesso periodo è stato interprete di alcuni videotape underground, diventati dei veri cult-movie degli anni Ottanta, come il Super 8 Barboni a vent’anni. In televisione ha preso parte allo sceneggiato Passioni, girato sulle colline torinesi, trasmesso da Rai Uno. Ha svolto l’attività di critico teatrale per la rivista Sipario; per diversi anni è stato il responsabile dell’ufficio stampa di Assemblea Teatro – teatro stabile di innovazione – per la quale, tra l’altro, ha recitato negli spettacoli E il matto illuminò la notte e Pazze regine. Ha lavorato nel film Tornare indietro, trasmesso recentemente dalla Rai, nel film Terrarossa e nella soap opera televisiva Viveretrasmessa su Canale 5. Ha pubblicato: Il mare oscuro della verità, Linea Edizioni, 2019 – Goccia, libro per ragazzi – Edizioni Tripla E., 2019; Note d’acqua – Umberto Soletti Editore, 2017; Torino uccide 1 e 2 – Yume Book, 2015 e 2016 – Il silenzio dei rimorsi – Baima – Ronchetti, 2014; Una rosa a dicembre – Fògola, 2012; Giochi senza parole, poesie e disegni – 2010.

Sostieni il blog! ⬇️⬇️⬇️

Buona lettura!

Materiale fornito dalla CE ai fini promozionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.