Malvagio fino all’osso di Tony J. Forder

Carissimi amici e lettori, avete già fatto l’albero di Natale e il Presepe? Sistemato addobbi e luci in giro per casa? Tutto fatto? Bene, adesso prendete un libro in mano e leggetelo, per riposarmi. Se avete dei dubbi su quale titolo scegliere, oggi io vi propongo un thriller. Malvagio fino all’osso di Tony J. Forder sarà disponibile dal 20 Dicembre, ma ho avuto la possibilità di leggerlo in anteprima per il blog, grazie alla disponibilità della casa editrice Nua Edizioni.

Copia digitale fornita dalla CE ai fini promozionali
  • Titolo: Malvagio fino all’osso
  • Titolo originale: Bad to the bone
  • Autore: Tony J. Forder
  • Traduttrice: Raffaella Arnaldi
  • Editore: Nua Edizioni
  • Data di Pubblicazione: 20 Dicembre 2019
  • Genere: Thriller
  • Pagine: 400
  • Prezzo:
    • e – Book 5,99€
    • Cartaceo 15,00€

Tra i boschi di Peterborough, nella contea del Cambridgeshire, vengono rinvenuti i resti di uno scheletro. 
L’ispettore James Bliss e l’agente Penny Chandler investigano sul caso e scoprono che la vittima, una giovane donna, è stata spostata dal luogo di sepoltura originale.
Un testimone è convinto che una ragazza sia stata investita da un’auto nella lontana estate del 1990, e che la polizia sia intervenuta. Tuttavia, non esiste documentazione relativa all’incidente o alla presunta vittima. Mentre il caso progredisce, un paio di agenti in pensione vengono uccisi. 

I due avevano legami con dei colleghi che erano in servizio al momento della segnalazione di un incidente stradale. Bliss e Chandler, indagando, scavano più a fondo e cominciano a chiedersi se alcuni ufficiali di alto grado possano essere coinvolti nell’omicidio della giovane donna sepolta nei boschi.

Ogni anello della catena subisce pressioni, compreso l’ispettore, che si scontra con i superiori e i media.
Quando la sua squadra riceve avvertimenti mirati, Bliss dovrà decidere se mollare il caso o perseguire i responsabili.

Abbandonerà, in modo da non danneggiare la propria carriera, oppure lotterà a ogni costo? Ed è possibile che il killer sia molto più vicino di quanto i due immaginino?

I libri di Tony J. Forder su Amazon ⬇️ ⬇️ ⬇️

Inauguro la collaborazione con Nua Edizioni con la recensione di Malvagio fino all’osso di Tony J. Forder. Solamente il titolo promette un thriller avvincente, un caso non facile da risolvere e una dose di crudeltà che non può mancare in un titolo di genere, ma che allo stesso tempo deve essere distribuita per tutta la narrazione e svelare la mente malata e perfida di un criminale.
La mia prima impressione a caldo a lettura ultimata, è stata quella di aver letto una storia completa in tutto. Che significa questo?
L’autore fa parlare i personaggi. Attraverso le descrizioni dei luoghi, delle loro azioni e i dialoghi, ci svela i loro caratteri, il loro approccio alla vita e al lavoro, l’analisi dei loro processi mentali, in particolare quelli dell’ispettore Bliss, protagonista indiscusso del libro, insieme alla vittima e all’assassino, che per quanto sia il narratore della storia, non esagera nel fornire informazioni al lettore, né prende il sopravvento provando a influenzare con le proprie opinioni il lettore.

Recensioni Thriller del Blog: ⬇️ ⬇️ ⬇️
Il caso di Léon Sardoski di Romain Slocombe / The girl next door – I segreti di Ashdon di Phoebe Morgan / Heimaey di Ian Manook / Il manoscritto di Franck Thilliez / La chimica del sangue di Alessio Rigillo / Svegliati di François Xavier Dillard / L’equazione aliena di Alessandro Dolce / Fashion Victim di Amina Akhtar / Alice di Barbara Abel / Nel silenzio della notte di Raymon Benson / Il professore di John Katzebach / Bugiardo di Phoebe Morgan & tanti altri

«Il capo ama chiedersi cosa ci sia dietro un angolo prima di svoltarlo. Noi comuni mortali dobbiamo rivolgerci al corpo per avere risposte. L’ispettore Bliss, invece, cerca risposte nel perché, non nel cosa.»

«Questo perché il corpo è solo il risultato delle azioni del nostro assassino. Fine. Il miglior modo di trovare quella persona è scoprire che cosa l’ha portata a compiere un gesto simile, in primo luogo. Movente, agente Chandler.
… Voglio sapere che cosa ha spinto questa persona a smuovere un cadavere. Anzi, uno scheletro.»

Tutti i resti raccontano una storia. Devi solo sapere come leggere tra le righe e fare le giuste domande per ottenere la verità.

L’ispettore Bliss è alla ricerca di un assassino e per scovarlo deve comprendere il motivo delle sue azioni. Tutto quello che ha in mano è il ritrovamento dei resti ossei di una donna, non deve scoprire solo chi è, dare un nome a quel mucchio di resti, ma vuole scoprire perché una donna è stata privata precocemente della vita.
Le indagini professionali si fonderanno con le proprie indagini interiori. Inizialmente si ha l’impressione che il modo di fare di Bliss sia la conseguenza della propria tragedia personale, e rendere giustizia alla vittima di cui si deve occupare sia un modo far pace con il proprio passato e le proprie mancanze.
Procedendo con la lettura, invece si è piacevolmente sorpresi nel ritrovarsi davanti un uomo, che per quanto possa essere ferito, sofferente, deluso dalla vita e in cerca della propria pace, è un poliziotto vecchio stampo, un uomo d’onore che decide di fare la cosa giusta, per dare voce a chi una voce non c’è l’ha più, per punire chi si è macchiato del crimine, perché di fronte alla giustizia non deve esistere rango, popolarità o quantità di denaro posseduta.

“«Ho sentito degli agenti chiamare questa gente “soggetto ignoto”, ma sono stronzate da serie tv americane sull’FBI.
Il nostro obiettivo è un bastardo malvagio e sanguinario. Se vi va, potete chiamarlo BMS per brevità.”

Citando Bliss vi parlo dell’assassino. Un essere immondo per quello che ha fatto e per quante vite ha coinvolto nella sua follia e perversione. Un essere che può essere giustificato? Un essere che deve essere curato e riabilitato? Un essere che l’amore può guarire? Chiediamo alle sue vittime e ai suoi complici, anche loro vittime della sua crudeltà spietata, cosa pensate che vi risponderanno?

“Ognuno ha i suoi segreti. Persino i poliziotti. Jimmy Bliss non aveva mai preso mazzette nella sua vita, anche se gliene era stata offerta qualcuna.
Eppure, segreti ne aveva. Segreti marchiati a fuoco nell’anima.
Grazie alla sua amara esperienza, Bliss sapeva che a volte si infrangevano le regole, le stesse leggi che aveva giurato di rispettare, colpa di cui in passato si era macchiato.”

E ritrovandosi difronte al dilemma tra il fare la cosa giusta o rendere giustizia, ovviamente la scelta non sarà facile per Bliss. La sua indole natura di poliziotto si scontrerà con quella umana, ma chi avrà la meglio? È stato molto interessante leggere di questo dualismo, di come pian piano nella sua mente prende forma il percorso da seguire, sul quale Bliss in fondo non ha mai avuto dubbi, da come dimostra la scrittura, ma che sia stato uno stratagemma dell’autore per porre il medesimo quesito al lettore per farlo riflettere e prendere posizione a sua volta?

“E allora scegli correttezza o saggezza,» lo supplicò la Chandler. «Non optare per la follia.”

Quale avrà seguito Bliss per arrivare alla conclusione della sua indagine?

Una lettura appassionante, intensa, che coinvolge il lettore dalle prime pagine, in grado di descrivere la malvagità dell’essere umano in maniera semplice e diretta, senza nasconderla dietro cliché banali, privi di originalità e che preferiscono nascondere la verità dietro sentimenti buoni e puri.
Un’indagine che coinvolge interiormente il protagonista, un uomo solo e fragile, e che rischia di spezzarsi alla prima folata di vento, ma che allo stesso tempo la sua caparbietà lo aiuterà ad affrontare i suoi demoni, a discernere la verità e a dare pace a delle anime in pena.

Buona lettura a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close